Vacanza in Bretagna partendo da zero – 4° parte: cosa vedere nelle Côtes d’Armor e Ille-et-Vilaine

 

Navigazione nel dossier:

Vacanza in Bretagna partendo da zero – 1° parte: l’itinerario e dove dormire
Vacanza in Bretagna partendo da zero – 2° parte: cosa vedere nel Morbihan
Vacanza in Bretagna partendo da zero – 3° parte: cosa vedere nel Finistère
Vacanza in Bretagna partendo da zero – 4° parte: cosa vedere nelle Côtes d’Armor et Ille-et-Vilaine

 

Eccoci arrivati alla quarta e ultima pagina del dossier vacanze partendo da zero. La nostra famiglia media con 1,42 figli sta decidendo se mangiare o meno il famoso kuign-amann della pasticceria a Plestin-les-grèves come descritto alla fine della terza parte del dossier. Mentre stanno decidendo noi andiamo avanti.


 

LE GAL Yannick - Côte de Granit rose Ploumanac'h
LE GAL Yannick – Côte de Granit rose Ploumanac’h

Costa di Granito rosa ***

La prima volta che vidi la costa di granito rosa ero a Ploumanac’h, mi ricordo ancora la stupefazione guardando la tavolozza dei colori dal rosa arancio dei massi tondi al blu turchese del mare, magnifico.

Da fare, da vedere:
Lannion *: cittadina gradevole, è il centro più grande della zona nell’entroterra, merita una visita e può servire come base di appoggio. Il centro storico intorno alla piazza del Generale Leclerc é ricco in case antiche e colorate dai tetti in ardesia grigia.
Pleumeur-Boudou soprattutto il Parc du Radôme e la Cité des Télécoms e soprattutto se avete figli tra 10 e 15 anni.
Trebeurden, stazione balnearia e marina (grande). Belle spiagge esposizione sud molto  frequentate in stagione, da vedere anche l’Ile Milliau, isola deserta raggiungibile a piedi a marea bassa. Volendo si può affittare uno dei 3 Gites d’Etape datati XVI° secolo.
Trégastel Plage et Ploumanac’h ** sono le località simbolo della costa, imperdibili se volete vedere il granito rosa della costa di granito rosa appunto. Il più bel modo per visitare la costa, é percorrere a piedi il GR34 dalla spiaggia di Trestraou a quella di Saint-Guirec, (3 ore) meglio se durante l’alta marea e meglio  al mattino o fine pomeriggio (dipende dal senso di marcia per avere il sole alle spalle). Se non avete 3 ore di marcia nelle gambe, andate alla spiaggia di Saint Guirec e poi verso destra guardando il mare.
Perros Guirec * cittadina balneare che segna la fine (o l’inizio e tutta questione di punti di vista) della costa di granito rosa, bella la passeggiata sul porto, dal quale si può partire per visitare la Riserva Naturale delle Sette Isole


 

plougrescant
La famosa cartolina di Plougrescant

 

Tréguier  et la Côte d’Ajoncs ** La Costa delle Ginestre se volete una traduzione Leopardiana. Siamo nelle Côtes d’Armor, accanto alla costa di granito rosa. Da vedere sicuramente Treguier ** incastonata alla confluenza del Guindy e Jaudy (due fiumi/abers che si gettano nella Manica piû a nord), parcheggiando in piazza Gen De Gaulle sullo Jaudy, entrare in città per la rue Saint André fino alla Cattedrale di St-Tugdual **. Poi la foto/cartolina celebre della casetta incastrata tra i massi. Trovasi a Plougrescant località Castel Meur. Più a sud/est sull’altro aber Le Trieu, si può visitare il Castello de La Roche Jagu e finire con un aperitivo/cena in uno dei ristoranti al porto di Paimpol *

 

 


 

Brehat **

Un paradiso di isoletta dalle rocce rosa, si percorre a piedi (3km) perche non ci sono auto (qualche trattore e la camionetta del portalettere). Un microclima incredibile tra fiori e coste e casette. Si visita in una giornata a meno che non vogliate affittare una casa sul posto e fermarvi qualche giorno. Si raggiunge in 10 minuti con il traghetto dalla punta Pointe de l’Arcouest – Ploubazlanec (22).

 


 

 Cap Frehel Auteur : Batiste PANNETIER licence art libre
Cap Frehel Auteur : Batiste PANNETIER licence art libre

Cap Fréhel *** 400 ettari di brughiera con contorno di scogliere mozzafiato di granito. Sito unico in Francia é anche  una delle lande più vaste d’Europa. Da vedere il faro attuale e il primo faro Vauban costruito nel settecento durante il regno di Louis XIV le Roi Soleil. Si può visitare anche il famosissimo Fort la Latte ** (foto del titolo di questo articolo) magari andando a piedi via costa (GR34) da Cap Fréhel.

 

 

 

 


Dinan, l'inizio della Rue Le Jerzual che scende fino al porto
Dinan, l’inizio della Rue Le Jerzual che scende fino al porto

Dinan:  ** Città feudale con le più belle mura della Bretagna e un patrimonio eccezionale di case medioevali. Merita una giornata (o mezza) visitando il centro storico, la Torre dell’ Orologio e una discesa e risalita al porto via la strada del Jerzual (le risalita é più faticosa della discesa chissà perche).

 

 

 

 


GRATIEN Jean-Patrick Les villas de Dinard CRT Bretagne
GRATIEN Jean-Patrick Les villas de Dinard CRT Bretagne

Dinard *** Stazione balnearia mondana lanciata nel 1850, unica in Francia in bellezza e interesse storico/turistico perché ha conservato tutto il patrimonio di centinaia case e ville fine secolo magnifiche e dichiarate di interesse nazionale. Per visitarla bisogna mettersi un vestito Belle Epoque, le signore saranno in tenuta da passeggio con ombrellino e cappello a fiori (vabbé se non trovate la tenuta fatelo almeno mentalmente).
Tentate la fortuna al Casino, magari soggiornando al Grand Hotel di Dinard, fare la passeggiata detta Chiaro di Luna alla sera e un bagno alla spiaggia dell’Ecluse e salutare la statua di Alfred Hitchcock fatta per ricordare il Festival del Cinema Britannico.

 

 


 

La Citta Corsara assediata dall'alta marea
La Citta Corsara assediata dall’alta marea

Saint Malo *** La Città Corsara,  si seguono le indicazioni per « Intra Muros » e si parcheggia fuori le mura e si entra nella cittadella dalla Porta St Vincent per esempio. Percorrendo le vie della città fortificata dovreste sentire l’anima dei celebri Corsari che l’hanno abitata (Robert Surcouf  il più celebre). Palazzi in granito belli ma un po’ tutti uguali e tanti negozi di moda. Oltre alla citta vecchia ‘intra muros’ si visita la Tour Solidor e si fa obbligatoriamente un giro delle mura e un va e vieni sul lungomare detto ‘La chaussée du Sillon’, sopratutto durante le alte maree, e più é alta e meglio é per giocare a rimpiattino con le onde che vengono a sbattere sul muro. Anche qui come per il Mont saint Michel l’indice di marea ha la sua importanza. Un’ eventuale sosta al Casinò e il camminamento di guardia delle mura della città vecchia meritano una visita.

 


LE GAL Yannick - Cancale - CRT Bretagne
LE GAL Yannick – Cancale – CRT Bretagne

Cancale *  Cittadina “radiosa” alla fine della strada panoramica tra Saint Malo e la Baia del Mont Saint Michel, celebre per le ostriche “di cancale”. Si visita facendo l’andata e ritorno sul molo del porto mentre si cerca un ristorante per mangiarle (le ostriche).

 

 

 

 


mont
Le Mont Saint Michel con i segni dei lavori per la distruzione della diga

Le Mont Saint Michel : ***Non è nemmeno in Bretagna è sul confine tra la Bretagna e la Normandia, si puo’ visitare in una mezza giornata meglio se scegliete un giorno e un’ora di grande marea con indice intorno a 100 quando il mare circonda completamente il monte. Altrimenti vedrete un’immensa distesa di sabbia. Recentemente la strada che arrivava fino ai piedi del Monte e il parcheggio annesso, sono stati demoliti e l’isola ha ripreso il suo carattere marino, anche se solo per qualche ora al giorno il tempo di un’ alta marea. Se arrivate in macchina seguite le indicazioni per i parcheggi e prendete la navetta gratuita che vi porta quasi ai piedi del Monte. Preparatevi, se andate in luglio o agosto, a molta gente, negozi di souvenir spese per parcheggi e visita guidata all’Abbazia (merita). Anche una visita notturna ha il suo fascino tutte le luci del Monte sono accese e c’é meno gente.

 

 


Ile et Vilaine - Fougères
Ile et Vilaine – Fougères

Fougères **

Bella cittadina con un magnifico castello feudale da visitare assolutamente, autoproclamata la più grande fortezza medioevale d’Europa. Recentemente il castello é stato restaurato e la visita diventa ancor più interessante.
Da vedere: Il castello da fuori * e da dentro**, la visita del Castello lui medesimo costa 8,50€ e 5€ fino a 25 anni e sono soldi spesi benissimo chiedete l’audioguida in italiano.

Castello di Vitré
Castello di Vitré
Vitré: **
Quello che é impressionante a Vitré é che il castello e anche tutto il quartiere medioevale intorno al castello sono talmente ben conservate che sembrano appena finiti di essere costruiti. Eppure il tutto é così da 500 anni. Oltre alla visita del castello, bisogna passeggiare nel quartiere medioevale soprattutto la Rue de la Baudrairie**. Da vedere anche l’ Eglise Notre Dame *.

Vue_sud-ouest_de_la_place_du_parlement_de_Bretagne,_Rennes,_France
By Édouard Hue
Capitale della Bretagna, grande e bella città  (quanto Bologna), centro universitario e tanti giovani (ma nel mese di Agosto è un po’ vuota). Sede del parlamento di Bretagna. La caratteristica di Rennes é quella di essere allo stesso tempo chic e tipicamente bretone con strade pieni di negozi in case a graticci dai colori accesi. Molti ristoranti per mangiare e locali per bere. Andate a passeggiare e a fare shopping nelle piazze e strade  del centro città.

800px-ChateauComper
Par Centre de l’Imaginaire Arthurien (Travail personnel)
E il nome mitico della foresta di Paimpont, con i luoghi dell’immaginario di Re Artù, la tomba del mago Merlino. Da vedere il museo dell’immaginario Arturiano nel Castello di Comper tappa obbligata per famiglie con ragazzi 10/15 anni e se proprio siete appassionati da accoppiare alla visita di Huelgoat

 

 


Ecco, da Paimpont si ritorna a Nantes da dove siamo partiti quattro articoli fa  e “la boucle est bouclée” come dicono i francesi. Non ci resta che firmare tutte le cartoline spedirle, lasciare la macchina a noleggio e prendere l’aereo. Le vacanze sono finite ma il vantaggio delle vacanze é che una volta finite, se si ha un po’ di pazienza, poi ricominciano.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close