Pont-Aven: pittori, mulini e biscotti al burro

Pont-Aven: é un paesino carino e fiorito, che prende il nome dal fiume che lo attraversa e che é legato al celebre pittore impressionista Paul Gauguin (senza offesa per il paesino in diminutivo, quello che c’é da vedere si concentra in due incroci, un ponte e un fiume). Paul Gauguin arriva a Pont-Aven nel 1886 col treno della appena fatta linea Paris Quimper. Quì incontrerà altri pittori e fonderà la scuola impressionistica di Pont-Aven prima di finire i sui giorni  nelle isole dell’emisfero sud. E’ grazie a Paul Gauguin che ancora oggi, si trovano tutte le boutiques di pittori e il museo degli impressionisti. Oltre che per la scuola di pittori omonima, Pont Aven é conosciuta per i biscotti al burro bretone (naturalmente)


 

  Dove si trova?

Pont-Aven é nel Finistère sud, cantone altrimenti detto della Cornovaglia Francese a pochi chilometri dal mare sul estuario dell’Aven.

 


 Arrivare e parcheggiare:

A pochi chilometri dalla nazionale N165 tra Quimper e Lorient. La cittadina é molto frequentata in estate In stagione il parcheggio può essere difficile. Si può provare seguendo le indicazioni per il porto (rue du port) a partire dall’incrocio principale del paese.


 Da fare da vedere

Il museo degli impressionisti e la passeggiata Xavier-Gral. Poi un escursione al Bosco del Amore (Bois d’amour)


 Consigli per gli acquisti

Un acquarello in una delle molte gallerie d’arte, e una scatola di biscotti Galettes di Pont Aven in metallo.


Dove mangiare

  • Economico  Le Talisman – 4, rue Paul Sérusier – tel 02 98 06 02 58 www.creperie-talisman-pontaven.fr – chiuso il lunedì – 10/15€. Antica creperia dove si possono gustare ottime crêpes salate e dolci ma anche frittate e insalate.
  • Prezzo medio Sur le Pont – 11 pl. Paul Gauguin – tel 02 98 06 16 16 – www.surlepont-pontaven.fr – chiuso il martedì sera, mercoledì e domenica sera fuori stagione – menus 21/25€ (mezzogiorno in settimana), 31/36€, 42/51€. Ristorante molto ben situato proprio sul ponte con una carta basata sul pesce declinato in tutte le maniere.
  • Ristorante stellato Le Moulin de Rosmadec – vicino al ponte in centro – tel 02 98 06 00 22 – www.moulinderosmadec.com – chiuso domenica sera, lunedì e martedì a mezzogiorno da ottobre a febbraio – carta 80€. Stupendo mulino del 15° sul bordo dell’Aven che propone una cucina orientata verso il mare raffinata, basata su prodotti eccellenti. Il must della casa, presente da sempre sulla carta, è l’astice arrosto accompagnato da due tipi di burro fresco fatto in casa, da solo vale il viaggio.

 Alberghi e Gites 

  • Presso l’ abitante Chambres d’hôte Kermentec – 1km direzione Quimper – tel 02 98 06 07 70 – Situata sulle alture di Pont-Aven questa Maison offre tre camere spaziose vicino al borgo e allo stesso tempo alla calma della campagna.
  • Albergo a buon prezzo Les Ajoncs d’Or – 1pl. hotel de ville – www.ajoncsdor.pontaven.com – chiuso domenica sera e lunedì fuori stagione – 14 cam 64€ – col 9€. Una tipica casa bretone con camere semplici e colorate. Le camere portano nomi i pittori.

 

La visita di Finisterre –  Arrivati al porto con l’automobile, con un po’ di pazienza, abbiamo trovato un posto auto e partiti per la scoperta del paese. Il porto piccolo, è attualmente esclusivamente turistico. Il fiume Aven é navigable da qui al mare distante qualche chilometro.

Il porticciolo di Pont Aven
Il porticciolo di Pont Aven

Diverse barche a vela aspettano pazientemente con la prua rivolta al centro del paese come per indicarci la meta. Seguiamo il fiume verso il centro.

Il fiume cambia di aspetto diventa quasi torrente e alcuni mulini con grandi ruote testimoniano ancora della produzione di farine del sito

la chiusa di legno permette l'invio dell'acqua direttamente alle pale del mulino
la chiusa di legno permette l’invio dell’acqua direttamente alle pale del mulino

Si cammina verso il paese accompagnati dal rumorio dell’acqua. Paul Gauguin si innamorò pare della luce del posto e in effetti il sole si rispecchia sulla superficie dell’acqua dando all’insieme un aspetto magico e scintillante.

l'acqua scintilla
l’acqua scintilla?

Eccoci al ponte che da il nome al paese, poi negozi e botteghe artigiane soprattutto pittura e biscotti visto che siamo nella patria delle famose “Galettes di Pont Aven” medesime.

 

pontaven-vetrine

 

Dal centro del paese ci spostiamo verso il Museo di Pont Aven per una visita che ci porterà via per un ora e mezza tra Paul Gauguin, Emile Bernard e Paul Séruisier (fine 19°) tutti autori della famosissima “Scuola di Pont Aven” iniziata da Paul Gauguin medesimo. Le opere esposte al museo pour non essendo paragonabili ai capolavori degli stessi autori esposti nei grandi musei internazionali, sono comunque molto interessanti con la particolare sensazione di vedere opere che sono state create a qualche metro di distanza.

Pont Aven centro
Pont Aven centro

Dopo esserci estasiati davanti a Gauguin e i suoi amici, torniamo verso il ponte, e ci resta il tempo per una passeggiata rinomata: La Promenade Xavier Grall, dedicata al celebre poeta bretone che visse da queste parti fino alla scomparsa prematura nel 1981 a soli 51 anni.

« Nous referons cette Cornouaille mortelle
Secrètement dans le lit des hautes herbes
Et ton corps aux semences mélangées
Engendrera tout un pays de fougères et de genêts. »

 


 

3 pensieri riguardo “Pont-Aven: pittori, mulini e biscotti al burro

  • 30 giugno 2017 in 11 h 23 min
    Permalink

    Buongiorno Stefano, vorrei sapere se secondo lei é fattibile soggiornare a Pont Aven utilizzandola come base per visitare la zona ( X 4 gg) o se è troppo affollata di turisti che ci passan la giornata da rendere difficoltoso anche solo muoversi (es. Cinque Terre ecc.). Grazie mille
    Paola

    Risposta
    • 4 luglio 2017 in 10 h 05 min
      Permalink

      Buongiorno Paola, non posso rispondere, mi mancano due informazioni: che cosa s’intende per “zona”, il Finistère?, la Bretagna? la zona di Quimper (la Cornovaglia francese?). Poi mi manca la data prevista per il soggiorno.
      In generale, penso che ci sarà meno folla che nelle Cinque Terre in agosto, poi la folla ci sarà di giorno e voi sarete in giro. Però se devo essere sincero, il punto è un altro, Pont Aven è piccolo, due strade quattro ristoranti/creperie un museo, con il mare a qualche km. E vero che Paul Gauguin ci restò per qualche anno, ma, come dire, portate le carte perché avrete il tempo di giocare a briscola la sera.

      Risposta
  • 16 agosto 2016 in 8 h 55 min
    Permalink

    parto a fine mese per la classica visita Normandia Bretagna e le notizie del sito di Finisterre sono veramente preziose.
    grazie
    gabriele

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close