Chi vede Ouessant…

“Qui voit Ouessant voit son sang”,  traducendo: chi vede Ouessant vede il suo sangue. A parte che in italiano non fa rima, il detto vuol dire che non bisogna avvicinarsi troppo all’isola per non rischiare di incagliarsi nelle scogliere tutte intorno. Ouessant é un’isola a forma di granchio, la più all’ovest di Bretagna e di Francia, in mezzo al passaggio navale più frequentato al mondo mitica per le scogliere, i fari e i naufragi. Finisterre vi invita a una visita.

(nella foto: CRT Bretagne – JOB Nicolas – Vue aérienne, le phare du Créac’h)

 

Siamo partiti da Le Conquet lasciando l’auto al parcheggio fuori paese e prendendo la navetta gratuita che ci porta al porto. Il traghetto si chiama Fromveur II dal nome del tratto di mare con corrente violenta tra Ouessant e la punta di Saint Mathieu. Viene da Brest tutti i giorni instancabile risalendo il collo di bottiglia della rada di Brest. La traversata dura un’oretta. Prima di Ouessant il battello passa vicino alle altre isole dell’arcipelago alcune disabitate e Molène più piccola e bassa rispetto a Ouessant.

 

By Julien Carnot (Own work) [CC BY-SA 3.0 (http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0)], via Wikimedia Commons
By Julien Carnot (Own work) [CC BY-SA 3.0 (http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0)], via Wikimedia Commons
 All’approccio del porto di Ouessant si passa vicino a uno dei cinque fari dell’isola: il faro di Keréon conosciuto per la sua base carenata come una nave per resistere appunto alla corrente e per essere il faro più confortevole per i guardiani con legni pregiati é tanto spazio (tutto é relativo).

Il porto é minimalista: un molo per l’attracco e qualche commercio per le biciclette a noleggio. Prendo una bicicletta di marca francese per non sbagliare e comincio la risalita verso il centro dell’isola.

anche se c'é il sole la giacca a vento leggera é sempre a portata di mano
anche se c’é il sole la giacca a vento leggera é sempre a portata di mano

Pedalando penso. Ouessant é stata per molto tempo autarchica con gli uomini in mare e le donne a tenere le case e i figli e i campi e gli animali. Autarchica e matriarcale, gli uomini partivano per molto tempo e qualche volta non tornavano più. Un economia povera naturalmente e si vede dalle case tutte piccole in pietra anche se ben tenute con i giardini fioriti. Oggi il tempo é soleggiato e spero che duri, in altre occasioni mi sono ritrovato dopo un mattino di sole a pedalare contro vento e pioggia per arrivare a tempo all’ora del traghetto di ritorno. La strada prosegue verso Lampaol capitale di Ouessant

Il secondo faro di Ouessant, quello dello Stiff si vede da lontano sulla destra

 

Phare_du_Stiff-Ouessant
By Guy Bernard (Own work) [GFDL (http://www.gnu.org/copyleft/fdl.html) or CC BY-SA 3.0 (http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0)], via Wikimedia Commons
 Il faro dello Stiff é il più antico della Bretagna costruito su ordine di Vauban l’architetto del Re Sole nel 1699. Domina tutta l’isola sulla parte orientale più elevata. Sono in realtà due torri accoppiate una per il faro e gli alloggi dei guardiani e l’altra per la scala e il deposito del carbone (nel 1699 il faro funzionava a carbone evidentemente). Il faro si può visitare per godere del panorama straordinario in caso di bel tempo che può arrivare a coprire tutto il Finistère.

Il borgo di Lampaol con case piccole appunto possiede il necessario per accogliere i visitatori. Qualche commercio, ristoranti e hotels e anche e sopratutto Chambres d’Hôtes. Verso la baia di Lampaol c’é l’unica spiaggia dell’Isola con acqua blu limpida e trasparente ma anche quasi sempre gelata. Cio nonostante nelle giornate di sole i turisti si avventurano per un bagno rinvigorente: il bagno di mare più all’ovest di Francia naturalmente. Gli isolani non fanno il bagno, vanno a pesca.

La strada prosegue verso il faro di Creac’h che si vede da lontano con la sua maglietta alla marinara come detto in un altro articolo.

Prima di arrivare al faro, si costeggia un piccolo strano mulino a vento. È l’ultimo piccolo mulino rimasto dei cento che esistevano nel 1800. Erano mulini monofamiliali per l’orzo e l’avena in sostituzione dei grandi mulini collettivi che mancavano a Ouessant. L’ultimo dei mulini di Ouessant si chiama Mulino di Karaes ed é il più piccolo mulino di francia:

 

Mulino di Karaes
Mulino di Karaes

 

Si pedala di buona lena fino al faro di Creac’h terzo dei 5 fari dell’isola, due in terra e tre in mare. Quello di Creac’h é posto all’estremo ovest dell’isola ed é molto potente, perché deve segnalare l’entrata della Manica alle navi che vengono dall’Atlantico. È stato costruito 160 anni dopo quello dello Stiff all’ovest dell’isola per un motivo se ci si pensa, abbastanza semplice: poter individuare l’isola nella notte, con un solo faro non si può sapere esattamente “da che parte” del faro é l’isola. Spero di essermi spiegato.

Ecco il faro:

2006_0505tout0113

Il faro non  si visita, ma il museo dei fari sottostante é molto interessante. Creac’h in bretone vuol dire promontorio e se volete pronunciare correttamente dovete dire “creasc” con la sc come sciare e l’accento tonico sulla “a”. Intorno al promontorio le scogliere sono spettacolari, e spaventosamente belle.

Senza parole:

scogliera presso il faro di Creac'h
scogliera presso il faro di Creac’h

 

Di ritorno verso il porto si percorre la strada che corre presso la costa sud dell’isola tra piccole casette fiorite

CRT Bretagne - DUBOIS Xavier - Les iles du Ponant,
CRT Bretagne – DUBOIS Xavier – Les iles du Ponant,

 

2 pensieri riguardo “Chi vede Ouessant…

  • 3 agosto 2017 in 15 h 03 min
    Permalink

    Ciao Stefano,
    prima di tutto vorrei farti i complimenti per il blog, me lo sono studiato a dovere! La settimana prossima partirò per la Bretagna e vorrei chiederti un consiglio. Nel mio itinerario ho pensato di fare un’escursione in giornata all’isola di Ouessant (proprio come da te descritto) e vorrei sapere se possono essere sufficienti 5 ore. Ho intenzione di prenotare i traghetti a/r online e sto valutando gli orari (partenza dal porto di Le Conquet).
    Cecilia

    Risposta
    • 5 agosto 2017 in 10 h 36 min
      Permalink

      Ciao Cecilia,
      grazie per i complimenti. Per rispondere alla domanda, se 5 ore vi sembran poche, per visitare Ouessant? Tutto è possibile nella vita. Tieni conto che si parte di solito alle 9:45 poi arrivati al porto di Ouessant alle 11, bisogna affittare le biciclette (o in taxi ma non val al pena), altrimenti dovete andare a piedi e ci mettete un’oretta solo a camminare fino al paese. Poi, per visitare i due fari sull’isola, il museo, il paese, le scogliere e le punte, una crepe e tornare indietro al porto, in 5 ore si può fare ripartendo col battello delle 16. Altrimenti ve la prendete un pochino più comoda e ripartire alle 17.
      Buone vacanze in ogni caso,
      Stefano

      Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close